La nostra storia - Tumaini Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

La nostra storia

Chi siamo
Mission

La nostra associazione ha nome TUMAINI che, in lingua Swahili, significa SPERANZA ed è il nome di un piccolo ospedale nella città di TANGA a nord della Tanzania.
A questo ospedale affluiscono quotidianamente decine di persone con patologie spesso legate alla povertà, alla malaria, all'AIDS.
Essa promuove e gestisce iniziative di solidarietà, assistensa socio-sanitaria, istruzione e di promozione umana e sociale a favore soprattutto di quella realtà locale

Storia

Nel 2003 due fratelli di Genova, indirizzati lì da Padre Liberatus Mwenda, incontravano a Tanga l'attuale direttrice, sr Flora Mushi, in un centro di emergenza in cui medici e suore letteralmente facevano miracoli per accogliere tutti coloro che avevano bisogno ma con attrezzature superate e in locali fatiscenti. L'appello è stato immediatamente e volentieri raccolto da un gruppo ecclesiale che stava proprio meditando sulla missionarietà e sulla imprescindibile solidarietà ad essa legata.
Così è nata la riflessione che ha fatto nascere l'associazione TUMAINI ONLUS che promuove e gestisce iniziative di solidarietà, assistenza sociale e socio-sanitaria, istruzione e di promozione umana e sociale a favore soprattutto di quella realtà locale (art.2 Statuto).
E' attiva in Genova Sampierdarena dal gennaio 2004 la nostra associazione ONLUS operante in Africa.
Dalla consapevolezza del gruppo che ha fatto nascere l'associazione è partito lo stimolo ad andare e vedere con i propri occhi i bisogni e le opportunità della gente di Tanga ed ad accogliere nella propria città, a Genova, padre Liberatus e Sister Flora.
Dopo viaggi e scambi di contatti abbiamo concretizzato progetti di collaborazione e aiuto per il Tumaini Health Centre che si protrarranno nel tempo.
Contemporaneamente sul nostro territorio si è sviluppata una rete di iniziative di sensibilizzazione e di raccolta fondi per sostenere l'attività in Africa.
L'associazione è in espansione e vuole crescere sia nella sua attività in Africa, che nel suo lavoro di sensibilizzazione e fund raising in Italia: nuovi volontari sono benvenuti!


Chi ci ha ispirato
Alba Ciampi

Alba Ciampi è morta l'anno che abbiamo incontrato Padre Liberatus: donna di eccezionale spirito e fede, su una carrozzella per colpa della poliomilelite, fondatrice di Progetto 80 Sampierdarena, associazione a favore dei disabili motori, sarebbe stata un'entusiasta sostenitrice del lavoro della Tumaini.
Ci ha insegnato infatti LA SPERANZA che non si ferma davanti alla malattia, alla disabilità, ai limiti.
Dobbiamo anche a lei la spinta all'avventura per una solidarietà concreta, attenta ai bisogni e di poche parole.
Idealmente continua ad ispirare il lavoro di molti nostri soci.

Nei primissimi viaggi in Tanzania, l'orfanotrofio di Tosamaganga era una tappa importante: lì conoscemmo mamma Rusmilia, una suora totalmente dedita ai suoi bimbi. Centinaia fra orfani e bimbi abbandonati, accolti e accuditi con il massimo dell'impegno.
Mamma Rusmilia è morta in seguito alle ferite riportate durante una rapina all'orfanotrofio, nella difesa dei bimbi.
Colpiti dal racconto dei testimoni che hanno raccolto il suo perdono per gli assassini e la sua preoccupazione per i loro bambini, quando si è costituita l'associazione l'abbiamo considerata un'ispirazione per il nostro impegno.
Nel 1989 abbiamo incontrato Liberatus Mwenda, allora seminarista in Italia e prossimo alla sua ordinazione.
L'incontro è stato l'inizio di una amicizia: fin da allora Padre Liberatus ci ha affascinato con il suo amore per la Tanzania e la sua gente e il suo continuo invito ad andare e "fare un'esperienza". La sua insistenza era giocosa, simpatica, ma il suo affetto per la sua terra era serio e profondo.
Allora sembrava un'avventura impossibile… l'Africa! Ma la sua determinazione alla fine ha vinto e prima alcuni, poi sempre più persone hanno seguito il suo invito e da viaggi per "esperienza" personale sono divenuti viaggi per progetti sempre più concreti e articolati.
Franco, Marco, Stefano e poi Carmelo, Alessandro, don Guido, Valentina, Anna, Lorenzo, Nuccia, Maria Elena, Andrea, Roberta e tanti altri… grazie a Padre Liberatus hanno incontrato Tanga, il Tumaini Health Center, Tosamaganga, Nyakipambo e ora la Tumaini è un'associazione in corsa per lavorare per e con la gente della Tanzania.
Padre Liberatus ci ha improvvisamente lasciato lo scorso agosto: il vuoto è grande, ma il dolore rafforza il suo messaggio per tutti: venite a vedere, ad ascoltare, a incontrare la gente di questo angolo bello e povero dell'Africa e poi da cosa nasce cosa…
 
Torna ai contenuti | Torna al menu